Massimo Cacciari

Categories: Philosophy, Portraits Hits: 2307 Last Updated: Giovedì, 23 Maggio 2024 14:14

(Venezia, 5 giugno 1944), quello che provo quando lo leggo è di trovarmi di fronte a un intellettuale chiave di - questo tempo - della storia, accade ai pensatori di mirabile compiutezza, prossimi a ciò che io credo verità.

A volte, ho l’impressione che venga dal futuro. La sua voce è credibile. È Preside della Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano. I suoi libri documentano una vasta opera di ricerca, una formidabile ricchezza ed eleganza. Ne cito alcuni: Krisis, Feltrinelli, Milano, 1976; Drama y duelo, Tecnos, Madrid, 1989; Drân. Méridiens de la décision, l’Eclat, Paris 1992; e presso Adelphi: Dallo Steinhof (1980), Icone della Legge (1985, nuova edizione 2002, L’angelo necessario (1986, nuova edizione 1992) e il dittico sulla idea di Europa, che comprende Geofilosofia dell’Europa (1994, nuova edizione 2003) e L’Arcipelago (1997); Della cosa ultima (1990, nuova edizione 2000). Il più recente: Elogio del diritto (2019, La nave di Teseo).

9 maggio 2020, Patrizia Trimboli

Di “Metafisica concreta”   

Il significato ha bisogno del corpo” … “Io volevo vedere l’anima, ma volevo vederla incarnata” è questa la poesia di “Metafisica concreta” con cui Pavel Florenskij manifestò il suo dissenso al pensiero antimetafisico positivista e alla metafisica astratta.

“Metafisica è l’attenzione per l’inosservabile dello stesso osservabile, in quanto questo, sub specie aeternitatis, rimane avvolto nell’Infinito”. La lingua esercita un ruolo fondamentale – la parola incarna il significato, si tratta di una voce dotta (Cacciari) che unifica e si innalza sopra il rumore perché il reale possa essere restituito attraverso quei principi esplorativi mai trascurabili, perché non ci si allontani con l’astrazione da quei significati dove la parola fa anima con l’essente; essa nomina l’apertura infinita al possibile e all’avvenire: il valore supremo della scienza e lo stretto nesso che coniuga verità con libertà, e ci convoca a una metafisica che venga dall’anima stessa e non scaturita dalla “combinazione di materiale fattuale”.

“Metafisica concreta” esprime una coralità di saperi capaci di scrutare il mondo in una dialettica del pensiero e allo stesso tempo di ricomporlo in un unico insieme. Il destino non si conquista nel protendersi al nulla, ma nel volere il futuro.

Massimo Cacciari scrive: “Metafisica così concretamente intesa non coglie l’essente oscillante tra nulla e nulla, bensì tra Inizio e Impossibile, tra l’Inizio irriducibile al concetto di Causa e il Fine oltre ogni scopo determinato, ogni possibile reale o definito, l’Impossibile inteso come éschaton del possibile, ovvero come il possibile che ogni possibile sia.”

La tensione dell’uomo all’impossibile non è dettata dalla voce dell’onnipotenza. Il suo destino si costruisce all’interno della natura, la quale è sottoposta a leggi inestirpabili, e lo sguardo che egli rivolge al reale è il medesimo su cui la capacità d’immaginare disegna: di trascendere le condizioni esterne, non scelte, del proprio esistere. Nell’esperienza dell’immaginazione, incessante orizzonte della possibilità, l’uomo può creare il nuovo.

Silesio recita: «La rosa che il tuo occhio esteriore vede, è fiorita in Dio dall’Eternità». Pavel Florenskij: in un passo dell’epistolario: «Il passato non è passato, esso si conserva eternamente da qualche parte, in qualche modo e continua a essere reale e ad agire» (22 novembre 1936). La memoria fissa nella coscienza il simbolo dell’Eternità e della Verità come Memoria Eterna (Večnaja Pamjat’).

Uno dei cardini della concretezza è l’esperienza della quotidianità, nel dramma dell’uomo e nella realtà, è la tragedia del mistero che tiene testa all’Impossibile. Forse, è sufficiente fermarsi e lasciarsi avvolgere da una fotografia, fuori portata, della periferia di una grande città che diventa ipòstasi dell’universo. L’immagine:

non c’erano uccelli, né vento, all’undicesimo piano: abiti laceri penzolavano da una corda tra due stanghe alzate, e una sparuta lampada appesa a un muro. Sentivo la deriva. E non riuscivo a vedere quasi niente. Quell’immagine era rimasta a raccontare la storia.

«Che cos’è l’universale? È un caso particolare» (Goethe). 

Di Massimo Cacciari, filosofo, è apparso presso Adelphi un folto gruppo di titoli, l’ultimo dei quali è Il lavoro dello spirito (2020). Con Metafisica concreta si conclude l’esposizione del suo sistema filosofico, avviata con Dell’inizio (1990, nuova edizione 2001) e proseguita con Della cosa ultima (2004, nuova edizione 2019) e con Labirinto filosofico (2014). (Testo tratto da Metafisica concreta)

Potete scrivere e porre domande a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tanti sono i rimandi e la quantità di cose di cui parla questo libro “Paradiso e naufragio” di Massimo Cacciari, che occorrerebbe una molteplicità di incontri; ma “se dietro quest’infinito” di cielo e mare non c’è nulla, se esso “è inesorabilmente aperto”, quell’infinito è una ferita, una fitta dolorosa che consuma anche l’amore” - Claudio Magris. Cacciari non desiste da una ricerca ulteriore.

Massimo Cacciari propone il libro “Riccardo Muti – Le sette parole di Cristo – Dialogo con Massimo Cacciari”, pagine in cui si intrecciano le peculiarità dell’immagine e del suono sino a fondersi. Si tratta della “Crocifissione” di Masaccio e della partitura di Haydn ispirata alle sette parole pronunciate da Cristo sulla croce e composta per la cerimonia del Venerdì Santo.
La registrazione dell'evento in questa pagina.

Video: Massimo Cacciari e il perdono di Assisi.

Tagged under: Massimo Cacciari
Patrizia Trimboli

Patrizia Trimboli

  • Gender:Female